joi-me.com
post-thumbnail

Cosa mettere sotto l’albero di Natale di un runner?

Il Natale è ormai alle porte e la “corsa” ai regali si fa sempre più serrata. Il rischio ricorrente è quello di non intercettare i gusti del destinatario ma, se si tratta di un amante del running, questi cinque accessori saranno sicuramente una gradita sorpresa.

La tuta da running. L’abbigliamento da corsa è fondamentale, a prescindere dal livello agonistico. Una tuta da running comoda e traspirante (anche nei mesi più freddi) è sicuramente la prima cosa, insieme alle scarpe ovviamente, che un runner deve avere nel proprio armadio. In questo caso la qualità viene prima di tutto, è uno di quegli accessori per il quale meglio non badare a spese, quindi il budget per questo regalo non è dei più contenuti. Se si azzecca pure l’abbinamento di colori allora il gradimento del diretto interessato è garantito!

Il cardiofrequenzimetro. Anche qui il budget è importante trattandosi di un dispositivo che offre parecchie funzioni anche se, nelle versioni più economiche e basilari, si limita soltanto a misurare la frequenza cardiaca. Runner professionista o meno, Il cardiofrequenzimetro è un accessorio indispensabile se si punta al miglioramento delle prestazioni in relazione al monitoraggio dello sforzo profuso, specie se in preparazione ad una maratona. Si tratta di un oggetto di piccole dimensioni (più comune il cardiofrequenzimetro da polso ma esistono in commercio anche le versioni da attaccare al torace) che spesso si abbina al GPS, per calcolare la distanza, o al contapassi. E visto che siamo in periodo natalizio si potrebbe optare per la versione che calcola le calorie bruciate durante l’allenamento, per attenuare i sensi di colpa post abbuffate. Nelle versioni top, per i più esigenti, c’è anche la USB per collegare il cardiofrequenzimetro al computer e scaricare i dati degli allenamenti o la condivisione diretta dei dati sul proprio smartphone.

Le cinture di idratazione. Un accessorio utilissimo e molto comodo per reintegrare i liquidi durante la corsa. Necessarie per allenamenti di lunga distanza, maratone e in generale per tutte le competizioni che richiedono uno sforzo fisico ed un dispendio di liquidi notevole. Molte sono regolabili ed ergonomiche in modo da non condizionare l’esercizio fisico. Non è in cima alla lista della spesa del runner medio, ma potrebbe rivelarsi un regalo molto apprezzato.

“Kit sicurezza”: bande catarifrangenti e lampade da testa. Correre con scarsa visibilità o al buio è un problema comune a molti runner, soprattutto chi lavora e non può allenarsi di giorno. Per non mettere a rischio l’incolumità durante l’allenamento, basta dotarsi di questi due accessori che consentono di essere sempre visibili. Molti optano per la classica pettorina ma si ottengono risultati decisamente migliori con le fasce di colori molto accesi, catarifrangenti appunto, ed una lampada da testa.

Le lampade da testa sono un supporto fondamentale, in carenza o assenza di luce, che devono essenzialmente garantire il massimo dell’illuminazione durante il percorso al fine di evitare ostacoli di qualsiasi genere che potrebbero causare cadute ed infortuni. Esistono varie tipologie di lampade da testa: retro-illuminate, per segnalare le auto che arrivano alle spalle, a LED, con rotazione a 90 gradi, con lo zoom per gestire l’attenzione, resistenti all’acqua, con messa a fuoco alla velocità. Di solito, le lampade da testa sono realizzate in metallo, plastica o gomma ma se si vuol colpire nel segno meglio optare per la prima soluzione.

Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn
Copyright 2017 | Privacy | Cookie

Europ Assistance Italia - Compagnia di assicurazione, Piazza Trento 8 - 20135 Milano - P.IVA 00‍776030157