post-thumbnail

“I Magnifici 5” per correre in sicurezza.

Nelle edizioni passate della “Europ Assistance Relay Marathon” e “Milano Marathon”, Europ Assistance Italia ha erogato interventi sanitari a favore dei runner che hanno corso la staffetta e la maratona milanese. Attraverso un’analisi abbiamo messo in evidenza le problematiche per cui, più frequentemente, i partecipanti richiedono cure mediche.

Ecco la nostra “Top Five”:

Disidratazione: per prevenire la disidratazione è consigliabile assumere liquidi (almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno) con regolarità nei giorni prima della Maratona. Un accorgimento che, oltre a consentire la corretta idratazione dell’organismo, consente anche un miglior metabolismo renale, organo messo a dura prova dalla corsa perché ha la funzione di eliminare le tossine prodotte dall’organismo durante il movimento. Un paio d’ore prima della gara è bene assumere, a piccoli sorsi, circa mezzo litro d’acqua naturale a temperatura ambiente. È di fondamentale importanza bere piccoli sorsi d’acqua anche durante la corsa. Al termine della gara è necessario reintegrare liquidi utilizzando integratori polisalini, consumando non più di 0,5 litri ogni quarto d’ora. L’assunzione troppo veloce di qualsiasi tipo di liquido provoca spesso nausea, vomito, diarrea.

Disturbi della Termoregolazione: sapete che il nostro corpo si comporta a seconda dell’ambiente? Se l’ambiente esterno è freddo il nostro organismo, ad esempio, si adopera per raggiungere una temperatura corporea corretta, provocando l’aumento del lavoro muscolare e distogliendo risorse all’attività fisica. Per questo motivo è importante coprirsi, nonostante una maggiore sudorazione, così come è indispensabile fermarsi alle stazioni di spugnaggio in caso di clima caldo. Al termine della gara è bene coprirsi con abiti asciutti e puliti. Fatelo al più presto.

Crampi: per prevenire i crampi consigliamo l’uso di scaldamuscoli e l’apporto di integratori elettrolitici da assumere a partire da qualche giorno prima dalla gara. Se i crampi persistono nei giorni post-gara, potete utilizzare blandi farmaci antiinfiammatori non steroidei (paracetamolo, ibuprofene). Assicuratevi di non essere allergici e di averli assunti in passato per sindromi influenzali o simile. Bere molto nelle ore successive alla gara aiuta a risolvere più velocemente il fastidioso problema dei dolori crampiformi.

Escoriazioni da sfregamento: le lesioni superficiali della pelle a causa di sfregamento riguardano soprattutto l’interno coscia e i capezzoli. Usate paraffina morbida prima della gara come lubrificante, eventualmente applicatela di nuovo durante il percorso.

Lo stremo: non portare il fisico allo stremo è fondamentale. Raggiunto il limite, il nostro corpo manda segnali che non devono essere ignorati. Fermatevi e, se necessario, richiedete l’assistenza del servizio medico. Dolore al torace, palpitazioni, senso di spossatezza e confusione mentale rappresentano un ineludibile segnale di stop e di necessità di soccorso immediate.

Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn
Copyright 2017 | Privacy | Cookie

Europ Assistance Italia - Compagnia di assicurazione, Piazza Trento 8 - 20135 Milano - P.IVA 00‍776030157