joi-me.com
post-thumbnail

Le biciclette pieghevoli

“Ho comprato una bici pieghevole perché sta tranquillamente nel baule della mia auto. E così me la porto ovunque ed è sempre pronta all’uso…”.

La pensano in tanti così. Si piega, occupa uno spazio più che ridotto ed è un attimo metterla in strada.

Generalmente bastano due o tre passaggi che, dopo le prime volte, con l’abitudine, diventano una velocissima routine. Il resto è ciò che si fa di solito in sella ad una bici perché ormai le nuove bici pieghevoli sono diventate di fatto delle ottime bici da città ( e non solo) maneggevoli e veloci, ovviamente considerando le gambe. E se una volta questo mezzo era un po’ una rarità, ad uso e consumo di qualche ciclista un po’ eccentrico, oggi, soprattutto nelle grandi città, con lo sviluppo di una mobilità che è sempre più a pedali per questioni di traffico, costi e benessere, le bici pieghevoli sono diventate una realtà importante e lo saranno sempre più in futuro, al pari delle smart  e-bike.

I vantaggi sono evidenti. Innanzitutto i furti che, a detta dei produttori di biciclette, sono ad oggi il freno più forte allo sviluppo della mobilità ciclabile nelle grandi città: molti decidono di non muoversi in bici perché hanno timore dei furti o proprio perché hanno già subito diversi furti.

Con la bici pieghevole la voce “furto” viene e cancellata.  Non si parcheggia più ma la si porta con sè in ufficio, in un negozio, al ristorante.  Non solo. Si porta con sé anche in metropolitana, sui treni, su un mezzo pubblico, cosa che non sempre si può fare invece con una bici tradizionale.

Come si sceglie una bici pieghevole?

Il primo criterio è lo stesso utilizzato per una bici tradizionale: cosa ci si deve fare ? Ci si deve muovere in città, non solo in città, ci si deve andare anche in vacanza?  Se l’uso è solo cittadino si può optare per un mezzo con ruote più piccole (da 16 pollici) e magari anche senza cambi di velocità, se invece i percorsi che si devono affrontare sono anche altri la scelta va indirizzata per mezzi con ruote più grandi (da 20 pollici) e con cambi di velocità che possono variare a seconda dei modelli.

Negli ultimi anni la scelta può cadere anche sulle bici pieghevoli elettriche che sono sempre più vendute e che, grazie alla pedalata assistita, estendono la possibilità di utilizzo anche a persone non allenate o non abituate a pedalare.

Un altro fondamentale criterio di scelta riguarda il meccanismo di piega, considerando che, proprio per la natura di questo mezzo, si userà parecchio. Tre aggettivi per orientare la scelta: semplice, veloce e resistente.

Il meccanismo più semplice è quello a “piega centrale” a metà del telaio con uno snodo e un fermo. Il manubrio a sua volta viene piegato su sé stesso e la sella deve essere abbassata.  Poi c’è quello a “piega posteriore”,  che permette di far rientrare le ruote posteriori sotto il telaio stesso, ma richiede un passaggio in più per l’apertura e la chiusura ma  generalmente riduce l’ingombro. Come nelle bici tradizionali, anche in quelle pieghevoli va considerato il peso che è direttamente proporzionale al loro prezzo: in commercio si trovano mezzi in tutti i materiali, dall’alluminio al carbonio fino al titanio. Il peso varia anche in relazione alla componentistica ma oggi si trovano bici pieghevoli anche intorno a 7 chilogrammi.

Infine il prezzo delle bici pieghevoli. Qui le variabili sono quasi infinite, come per le bici tradizionali. Incidono il materiale del telaio, delle componenti, il fatto di scegliere una bici con rapporti oppure no, la presenza di freni a disco ed altro ancora.  Oggi nei negozi della grande distribuzione si possono acquistare bici pieghevoli già da 200 euro fino a 1.000 euro per alcuni tra i modelli più diffusi e addirittura a 3.000 per alcuni marchi più sofisticati.

Comincia a diventare importante anche il mercato delle bici pieghevoli usate con costi ovviamente tagliati a oltre la metà del prezzo intero.

 

Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn
Copyright 2017 | Privacy | Cookie

Europ Assistance Italia - Compagnia di assicurazione, Piazza Trento 8 - 20135 Milano - P.IVA 00‍776030157