post-thumbnail

Bike is in the air

Il momento ideale per un’uscita o una gita in bicicletta è proprio quando le temperature miti della primavera prendono il sopravvento. Il freddo è ormai, incrociando le dita, alle spalle e gli eccessivi caldi estivi, non certo favorevoli alle uscite rilassanti, ancora lontani. Le possibilità sono tante e nessuna scusa regge alla pigrizia di organizzare un weekend senza una bella pedalata. Perché oltre che il modo perfetto per rilassarsi in tutta salute, utilizzare la bici durante i fine settimana per una gita fuori porta o per i primi giorni di ferie lontani dalla città, vuol dire anche scoprire posti e raggiungerli nella maniera più green ed economica possibile.

Lo sa bene il Touring Club Italiano che ha lanciato una guida completa – “L’Italia in biciletta” – per visitare il meglio delle bellezze italiane raccolte in 70 itinerari e percorsi in bici che si inerpicano tra i posti più belli del belpaese: dalle Alpi Apuane alla Costiera Amalfitana, dal Trentio alla Sicilia. Il tutto corredato da informazioni pratiche, mappe stradali e un roadbook con la descrizione di tutti i tracciati, passo dopo passo.

Le vie del cicloturismo sono sempre più battute se a Riccione, ad esempio, cittadina che ha fatto del turismo una vera vocazione, da qualche anno esiste un’offerta di ospitalità a misura di ciclista. Si chiamano Riccione Bike Hotels e sono una serie di strutture alberghiere che, oltre a mettere a disposizione degli ospiti biciclette e attrezzature da biker, garantiscono servizi e guide per godersi al massimo la Romagna su due ruote. Adatti ad ogni esigenza e capacità, i Bike Hotels offrono possibilità sia agli sportivi infaticabili (anche triatleti) che a chi sceglie di fare un cicloturismo da vacanza e senza ambizioni agonistiche.

Anche la Regione Toscana, complice la varietà di paesaggi e percorsi, ha dato vita ad una proposta ad hoc articolando la sua offerta di cicloturismo tra percorsi per sportivi, “cicloescursionistici”, percorsi urbani e quelli più adatti alle esigenze delle famiglie e dei bambini.

Tutti pronti a fare la propria scelta per spezzare dalla routine ma non di soli weekend fuori porta vive il ciclista. Per chi rimane in città non mancano le possibilità, anche nei centri urbani. Il Grande Raccolto Anulare delle Bici (GRAB) è un modo straordinariamente suggestivo per scoprire i loghi miglio della Grande Bellezza della Capitale. 44 chilometri tra luoghi più e meno noti di Roma.

Uno modo di pedalare in tranquillità in bici a Milano è seguire le vie dell’acqua e in particolare dei Navigli. Dal Naviglio Grande che porta fino ad Abbiategrasso e alla sua splendida Abbazia al Naviglio Pavese che, dopo un percorso di una trentina di chilometri collega il capoluogo lombardo alla Certosa di Pavia.

Conviene uscire di qualche chilometro fuori Napoli per godersi la costiera in bici: i percorsi che collegano Sorrento a Positano e Punta Campanella sono uno spettacolo irrinunciabile per chi ama la bici e le escursioni all’insegna del mare e delle viste mozzafiato.

Anche noi di Corricon.me vogliamo contribuire a darvi qualche consiglio sul cicloturismo e lo faremo presto con un papà d’eccezione che ci racconterà come vivere al meglio la vacanza in bici con tutta la famiglia… Stay tuned quindi e alla prossima pedalata!

Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn
Copyright 2019 | Privacy | Cookie

Europ Assistance Italia - Compagnia di assicurazione, Piazza Trento 8 - 20135 Milano - P.IVA 00776030157

Europ Assistance Vai- Società di servizi, Via Crema 34- 20135 Milano - P.IVA 11989340150