post-thumbnail

I benefici psichici della corsa

Non soltanto molte ricerche lo confermano, ma anche molte storie di persone che iniziano una loro personale avventura di allenamento raccontano degli effetti benefici della corsa sulla salute fisica, ma soprattutto psicologica. Correre ha effetti positivi sul nostro cervello a cominciare dalla chimica: avete presente quella sensazione di soddisfazione mista alla sensazione di una temperatura corporea che ti fa star bene dove stai? Avete presente quel livello di buonumore che rende anche le occasioni meno consuete una situazione divertente?

Avete presente quella sensazione che, di fronte ad una decisione o ad un problema da risolvere, tutto appare meno difficile di altri momenti? Avete presente quella sensazione di sentirsi all’altezza di fronte a quella persona o a quella platea? E quella lucidità che ti permette di vedere ogni situazione da una prospettiva leggermente più “lontana” così da cogliere meglio la visione d’insieme? Buona parte di queste sensazioni sono legate alla corsa e rappresentano l’effetto delle endorfine sul nostro sistema nervoso centrale.

Dotate di una struttura peptidica e di proprietà analgesiche e fisiologiche simili a quelle della morfina e dell’oppio, presentano tuttavia una portata ben più ampia rispetto a queste ultime. Prima che fossero compiute ricerche mirate al riguardo, questa condizione era per lo più attribuita a cause psicologiche invece che a una causa neurochimica: alcune ricerche risalenti al 2008 hanno provato la dipendenza di questa sensazione euforica dal rilascio di endorfine da parte dell’ipofisi durante l’esercizio fisico di una certa durata, che varia da soggetto a soggetto ma in genere non è mai inferiore ai trenta minuti consecutivi. In questo senso le endorfine sono il comune denominatore tra l’atleta “professionista” e chi lo fa da “amatore”.

Gli effetti si moltiplicano se pensiamo anche al contrario: che effetto hanno infatti le endorfine sulla tua motivazione a correre? Nel momento in cui riconosci che l’allenamento migliora l’umore e rende sereni, si avrà una spinta motivazionale a mantenere costanza negli allenamenti. Il beneficio così si allarga continuando a nutrire un circolo virtuoso che trova nelle endocrine la motivazione a proseguire: sei all’origine di come si cambia uno stile di vita e saperlo potrebbe aiutarti molto, soprattutto se ti accorgi di questa esigenza.

Interessante è anche il ruolo delle emozioni positive stimolate da un’attività fisica che ti piace. Aumentando infatti la tua capacità di adattarti a situazioni progressivamente impegnative, grazie ad un allenamento, rafforzi la tua capacità di gestione dello stress. Può capitare infatti che, quando siamo sotto pressione, tendiamo a ripetere comportamenti “stereotipati” e poco orientati alla soluzione del problema.

Le emozioni positive che provengono dalla corsa aumentano il ventaglio delle possibili risposte a situazioni “stressanti”. La conseguenza è che, con questa sorta di “serbatoio” di emozioni positive che riempiamo ogni volta che usciamo per il nostro allenamento, abbiamo più benzina per affrontare lo stress al lavoro e a casa. Il rafforzamento del carattere che proviene dalla corsa si amplifica inoltre con una maggiore fiducia in se stessi: non c’è nulla di più benefico per la nostra salute che avere un’immagine di se stessi competente, all’altezza e capace di raccogliere le sfide.

Puoi trarre miglioramento nelle tue relazioni interpersonali poiché un’autostima positiva si estende in primo luogo nelle interazioni sociali. La corsa, interpretata come un costante esercizio fisico, è uno strumento di coping che ti aiuta a costruire salute e benessere. In psicologia il termine coping (termine inglese traducibile con “strategia di adattamento”) indica l’insieme dei meccanismi psicologici messi in atto da un individuo per fronteggiare problemi personali ed interpersonali, allo scopo di gestire, ridurre o evitare lo stress. Molte persone hanno utilizzato o utilizzano tuttora la corsa con questa finalità: rende sereni, migliora l’umore, combatte rabbia e depressione; l’allenamento è tutti gli effetti una strategia comportamentale di coping molto diffusa.

Un esercizio fisico costante contrasta e allontana i sintomi depressivi caratterizzati da passività, tristezza e pessimismo. Alcuni interessanti studi associano l’impegno nell’esercizio fisico a maggiori capacità di mindfulness degli individui, con significative ripercussioni sulla capacità di prevenire e gestire lo stress. La mindfulness è una pratica molto diffusa a livello clinico nella gestione dell’ansia, nella prevenzione delle ricadute depressive e nella gestione del dolore cronico. E’ caratterizzata da un’attenzione intenzionale e non giudicante nel momento presente. Grazie alla corsa puoi allenare questa capacità ed altre capacità mentali e completare meglio i benefici fisici con un miglioramento della tua concentrazione mentale.

Come ti senti ora? Cosa hai focalizzato meglio di questo contributo? Grazie a questo breve excursus sulla corsa e i suoi benefici effetti sulla salute psico-fisica potresti aver acquisito qualche motivazione in più per raccogliere le tue energie e affrontare la tua prima sfida. Oppure potresti aver scoperto che certe sensazioni che provi durante o dopo la corsa sono supportate da evidenze scientifiche, aiutandoti a mantenere un appuntamento costante con il tuo benessere psico-fisico. O magari hai semplicemente un sentimento di gratitudine verso la corsa, per come ti ha aiutato in qualche momento difficile.

Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn
Copyright 2019 | Privacy | Cookie

Europ Assistance Italia - Compagnia di assicurazione, Piazza Trento 8 - 20135 Milano - P.IVA 00776030157

Europ Assistance Vai- Società di servizi, Via Crema 34- 20135 Milano - P.IVA 11989340150